Nessun commento

Bonus Sisma 2024: come funziona, detrazioni e requisiti

Una grande novità per i condomini è il bonus sisma 2024. Molti utenti cercano dettagli e informazioni sul bonus per le ristrutturazioni sismiche, chiamato proprio Sismabonus. In questo articolo offriamo una guida completa: come funziona, quali sono le detrazioni per interventi antisismici, la proroga, i requisiti e tutto quello che c’è da sapere. Sul nostro sito, inoltre, trovi l’articolo dedicato al bonus facciate 2024. Vuoi sapere tutto sulle regole condominiali o cerchi un nuovo amministratore di condominio? Iscriviti ora su Condexo.


Sismabonus 2024, come funziona

In questo paragrafo spieghiamo cosa è e come funziona il bonus sisma 2024, che è dedicato agli interventi di misure antisismiche sugli edifici e che offre la detrazione di una parte delle spese sostenute dalle imposte sui redditi. Cosa dice il sito dell’Agenzia delle Entrare sul Sismabonus? “La detrazione può essere richiesta per le somme spese nel corso dell’anno e può essere ceduta se relativa a interventi effettuati su parti comuni di edifici condominiali. La percentuale di detrazione e le regole per poterne fruire sono diverse a seconda dell’anno in cui la spesa viene effettuata. Sono concesse detrazioni più elevate quando alla realizzazione degli interventi consegua una riduzione del rischio sismico“.

Bonus Sisma condominio: i requisiti

Il Bonus Sisma è rivolto ai contribuenti soggetti all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) ma anche ai soggetti passivi dell’imposta sul reddito delle società (Ires). L’agevolazione può essere usufruita da qualsiasi tipologia di contribuente per interventi realizzati su tutti gli immobili di tipo residenziale e su quelli utilizzati per attività produttive.

L’agevolazione del Bonus Sisma 2024

In cosa consiste l’agevolazione del bonus Sisma del 2024: c’è una detrazione Irpef/Ires del 50% caratterizzata da 5 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa di euro 96.000 per ciascun anno. Se il rischio sismico è ridotto di una classe di rischio, la detrazione diventa del 70%, se è ridotto di due classi di rischio la detrazione diventa dell’80%.

Il Super sisma bonus con detrazione del 110%

Esiste poi il cosiddetto Super sisma bonus,Inoltre, relativo alle spese sostenute dal 1° luglio 2020. L’articolo 119 del decreto legge n. 34/2020 ha infatti introdotto per determinati interventi antisismici la detrazione del 110%. L’Agenzia delle Entrate sottolinea che, con la Circolare 28 del 25 luglio 2022, c’è un principio indiscutibile: non è possibile passare dal “super sismabonus” al “Sismabonus ordinario”.

Requisiti per il Super Sisma Bonus

  • Gli interventi devono essere effettuati da: condomìni; persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte o professione, per interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche; organizzazioni non lucrative di utilità sociale (di cui all’articolo 10, del decreto legislativo n. 460/1997), organizzazioni di volontariato (iscritte nei registri di cui alla legge n. 266/1991) e associazioni di promozione sociale (iscritte nei registri nazionali, regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano, previsti dall’articolo 7 della legge n. 383/2000).
  • Gli immobili devono essere situati in zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nella zona 3.
  • Le unità immobiliari devono avere destinazione abitativa oppure, se non lo sono ad inizio lavori, lo devono essere a fine lavori con esplicita indicazione sul titolo abilitativo.

Sismabonus, modalità di sostenimento della spesa

Per quanto riguarda invece la modalità di sostenimento della spesa del Sismabonus, i pagamenti saranno effettuati con bonifico bancario/postale “parlante” o bonifico ordinario con la dichiarazione sostitutiva rilasciata dal fornitore. Il termine per sostenere la spesa è il 31 dicembre 2024.

Sisma bonus acquisti: detrazione, requisiti e pagamenti

Infine, parliamo del Sisma bonus acquisti che offre una detrazione Irpef del 75% in 5 rate annuali di pari importo con soglia massima di spesa di 96.000 euro, se il rischio sismico è ridotto di 1 classe di rischio. La detrazione diventa dell’85% se il rischio sismico è ridotto di 2 classi. L’agevolazione può essere usufruita da contribuenti Irpef che acquistano unità residenziali costruite da imprese di costruzione e derivanti da demolizione e ricostruzione nelle zone sismiche 1, 2 e 3. I pagamenti possono essere effettuati con bonifico, carta di debito o carta di credito e il termine per sostenere la spesa è il 31 dicembre 2024. Sul nostro sito è disponibile anche una guida speciale sul fotovoltaico in condominio. Vuoi sapere tutto sulle regole condominiali o cerchi un nuovo amministratore di condominio? Iscriviti ora su Condexo.