Nessun commento

Visura catastale: come e dove richiederla

La visura catastale è lo strumento che permette di conoscere i dati relativi alla proprietà di un immobile, o unità immobiliare condominiale. Per certificato catastale di intende un documento rilasciato dall’Agenzia delle Entrate contenente tutte le informazioni catastali di un immobile o di un terreno. È inoltre un documento che permette all’amministratore di poter compilare e aggiornare il Registro Anagrafe Condominiale.

L’anagrafe condominiale è un registro, disciplinato dall’Art. 1130 del Codice civile, che contiene informazioni quali i dati dei proprietari delle unità e dei titolari dei diritti reali e personali di godimento, il codice fiscale, l’indirizzo di residenza o di domicilio, la sezione urbana, il figlio, la particella e il subalterno dell’unità e lo stato di sicurezza delle parti comuni dell’edificio.

 

A cosa serve la visura in condominio?

Per conoscere il proprietario di un’unità immobiliare occorre fare riferimento ai dati catastali detenuti dagli uffici del Catasto. Il catasto non è altro che un archivio di tutti gli immobili, presenti sul territorio di uno stato di riferimento, di proprietà di un soggetto di diritto.

La visura in condominio è indispensabile per:

  • conoscere la rendita catastale di un immobile;
  • effettuare delle volture;
  • per il pagamento della Tari;
  • per il calcolo delle imposte di successione;
  • richiesta di nuove utenze;
  • accedere al SuperBonus 110%.

Per poter avere accesso a tutte queste informazioni occorre richiedere una visura catastale agli uffici del catasto di riferimento. La visura si può considerare come una “carta di identità” dell’immobile pertanto è possibile effettuare una ricerca al Catasto sia per indirizzo che per soggetto. Nel caso di ricerca per soggetto, occorre conoscere i dati anagrafici della persona fisica proprietaria o del codice fiscale dell’impresa in caso di persona giuridica.

Come e dove richiedere la visura catastale?

Le informazioni catastali sono pubbliche, ad esclusione della consultazione delle planimetrie che è riservata agli aventi diritto sull’immobile; pertanto, di può accedere a questi dati dietro il pagamento dei tributi speciali catastali.
Sono esentati dal pagamento dei tributi catastali i titolari, anche parziali, del diritto di proprietà o titolari di altro diritto reale di godimento.

Si può accedere a due diversi formati di visura storica:

  • Analitica
  • Sintetica

La visura di immobili presenti sul territorio nazionale può essere richiesta:

  • Presso uno degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate;
  • Presso uno degli sportelli catastali decentrati;
  • Telematicamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate tramite i servizi online.

Visura catastale online gratuita

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei soggetti titolari del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento un servizio di consultazione online gratuita e in formato pdf. La consultazione personale permette di ottenere visure attuali e storiche, visure della mappa, planimetrie e ipotecarie.
Per accedere come persona fisica si può utilizzare lo SPID, la Carta di identità elettronica CIE, con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o essere abilitati ai servizi Entratel/Fisconline.

I soggetti diversi dalle persone fisiche (imprese, società, associazioni ecc) possono accedere tramite i servizi telematici di Entratel/Fisconline o tramite operatori incaricati.

Visura catastale telematica

Questo servizio consente l’accesso ai dati catastali a soggetti diversi dai titolari dell’immobile oggetto della richiesta. Il servizio di visura catastale telematica per i soggetti diversi dai titolari prevede un costo:

  • Per soggetto: importo di 1,35€ per ogni 10 unità immobiliari o frazione di 10;
  • Visura attuale o storica: 1,35€ per immobile;
  • Visura della mappa: 1,35€

Si può pagare tramite sistema pagoPA e le commissioni variano in base al prestatore del servizio di pagamento e allo strumento scelto.